Governance

In conformità al D. Lgs. n. 231/01 Olivetti ha adottato il “Modello Organizzativo 231” volto a prevenire la commissione dei reati che possono comportare la responsabilità amministrativa della Società qualora posti in essere nell’interesse/vantaggio della stessa.

I valori di trasparenza, correttezza e lealtà cui si ispira Olivetti sono alla base dell'adozione del Modello Organizzativo 231, che garantisce l'efficace svolgimento delle attività sensibili prevenendo, mediante l'applicazione, in particolare, dei principi previsti dal Decreto Legislativo 231/2001, la commissione dei reati che possono comportare la responsabilità amministrativa della società, se posti in essere nell'interesse o vantaggio della stessa.

A seguito dell’introduzione della norma, Olivetti si è dotata sin da subito di un Modello Organizzativo 231, uno strumento dinamico che incide sull’operatività aziendale e che a sua volta deve essere costantemente verificato e aggiornato alla luce dei riscontri applicativi, così come dell’evoluzione del quadro normativo di riferimento.

L’attuale versione (vers. 7.1) del Modello Organizzativo 231 di Olivetti SpA è stata adottata dal Consiglio di Amministrazione della Società il 17 marzo 2021. Tale nuova versione recepisce le recenti novità normative in materia di responsabilità degli enti con l’inclusione dei reati tributari tra i reati presupposto (c.d. Direttiva PIF).

Di seguito la struttura del MO 231:

  • Parte Generale, che descrive le caratteristiche del Modello
  • Parte Speciale, che descrive i Processi/Attività Sensibili, i reati 231 associati e i presidi di controllo
  • Allegati: Codice Etico e di Condotta, Matrice di Correlazione Reati/Processi/Funzione/Procedure, Annesso tecnico-normativo.

— Leggi la parte generale del Modello Organizzativo 231

— Consulta il Codice etico del Gruppo TIM