Sviluppare nella scuola le competenze digitali al pari di quelle linguistiche e scientifiche. E’ questo il filo conduttore della giornata andata in scena oggi al Laboratorio–Museo Tecnologic@mente di Ivrea, durante la quale è stato presentato il Microninja di Olivetti, un mini-computer realizzato per i bambini da 8 a 13 anni. Nelle due sessioni didattiche, una al mattino e l’altra nel pomeriggio, cinque classi dell'Istituto Comprensivo di Ivrea 1 hanno avuto la possibilità di provare il nuovo device e fare conoscenza con le nozioni-base del coding.

Con Microninja è possibile creare documenti per la scuola, effettuare ricerche su internet e avvicinarsi al mondo della tecnologia in modo attivo e guidato ed è parte integrante di un progetto studiato e sviluppato per bambini, genitori e insegnanti per giocare e divertirsi, imparando a interagire con la programmazione e la tecnologia.

Bambini e ragazzi usano le tecnologie in modo passivo: app, social network, smartphone, tablet, smart TV: Microninja include app e giochi sviluppati per avvicinare i bambini, insieme a genitori e docenti, al mondo della programmazione e del coding, in modo divertente e coinvolgente.

Il coding è riconosciuto come efficace veicolo di esperienze digitali trasversali per adulti e ragazzi. Viviamo in un mondo di grandi sviluppi tecnologici, che hanno cambiato radicalmente il modo di lavorare e di relazionarsi con gli altri.
Per orientarsi, è necessario comprendere e saper utilizzare le tecnologie: imparare a programmare (coding) è una competenza importante per essere cittadini consapevoli nel futuro, non solo fruitori passivi, ma protagonisti attivi del mondo.

Questa giornata di presentazione ha segnato l'inizio di una fattiva collaborazione tra la Fondazione Natale Capellaro e Olivetti che prevederà, in primis, la realizzazione di nuovi laboratori didattici che verranno progettati e realizzati utilizzando questa tecnologia sviluppata e commercializzata da Olivetti Scuola Digitale.

Il Presidente della Fondazione, Luciano Iorio, ha espresso profonda soddisfazione per questo nuovo percorso didattico, che si inserisce perfettamente e coerentemente nel catalogo che viene annualmente proposto dal museo alle scuole di ogni ordine e grado. “Viene unita la storia di una delle maggiori realtà industriali del nostro Paese - Olivetti, eccellenza indiscussa del territorio canavesano -  a quella di Tecnologic@mente, un museo che racconta i valori alle nuove generazioni, utilizzando prodotti e tecnologie innovative prodotte da Olivetti. Una significativa sintesi di ciò che raccontiamo ogni giorno ai nostri visitatori”.

Gaetano di Tondo, Responsabile Institutional & External Relations di Olivetti ha così commentato:” E’ un’iniziativa importante, il primo passo di un percorso iniziato insieme che vedrà sempre di più la presenza di Olivetti nel mondo delle scuole e della didattica sul territorio, alimentando il filone dell’innovazione che è sempre stato il cuore di questa azienda”.

Fabio Zanino, Sales Consultant di Olivetti Scuola Digitale, ha dichiarato: “Un’occasione, soprattutto per i più piccoli, di toccare con mano in modo esperienziale le creazioni che hanno fatto la storia di Olivetti e partecipare ad un laboratorio di coding per apprendere giocando i principi del pensiero computazionale”.

“È un progetto che ci entusiasma perché vede collaborare due realtà germogliate sullo stesso terreno e che se, da un lato, in modo simpatico contribuisce ad un’alfabetizzazione corretta e creativa al pensiero computazionale, dall’altro, non può che indurre il collegamento al pensiero di Adriano Olivetti e quindi arricchire di contenuto e significato l’offerta formativa”, afferma Stefano Sertoli, Sindaco Città di Ivrea.

La dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo Ivrea 1, Anna Piovano, in visita alle classi si è mostrata entusiasta per l'esperienza educativa eccezionale che Olivetti e il Laboratorio-Museo Tecnologic@mente, insieme a Olivetti Scuola Digitale, ha offerto agli alunni delle classi quinte della scuola primaria, facendo loro conoscere un sistema operativo dalla grande valenza educativa, concepito per le esigenze di bambini e ragazzi dagli 8 ai 13 anni.

La giornata si è conclusa con la presentazione della piattaforma Scuolabook Network di Olivetti agli insegnanti del territorio.